News

24 Febbraio 2022

Nasce Allô Bus Grand-Paradis

Villeneuve, 23 febbraio 2022
Dal 1° marzo al 10 giugno 2022, il servizio di trasporto pubblico nella Val di Rhêmes e in Valsavarenche saranno sostituiti da un servizio a chiamata.
Le caratteristiche sono state illustrate da Alfredo Lopes, direttore di esercizio di Arriva: le corse nei giorni feriali in partenza da Villeneuve per Valsavarenche (alle ore 7.45) e per Rhêmes (alle ore 9.15) e quelle in partenza da Valsavarenche (alle ore 8.30) e da Rhêmes (alle ore 10.15) saranno sostituite da un servizio a chiamata, nella fascia oraria dalle 8.30 alle 11.30. Per avvalersi del servizio, è necessario prenotare il trasporto telefonando al 339 5443364. La chiamata può essere effettuata, nei giorni precedenti a quello della corsa, nell’orario 8.30-11.30 e 17-19. Una chiamata per un servizio nel giorno stesso deve essere effettuata entro le ore 9. Il trasporto sarà effettuato nel limite dei posti disponibili. L’autista si troverà alla fermata richiesta all’orario concordato. Il costo del biglietto è invariato.
Il servizio di linea tornerà attivo durante i mesi estivi, per poi essere nuovamente sostituito da quello a chiamata, con l’inizio dell’anno scolastico 2022/23.
Questa sperimentazione ha durata triennale e si concluderà con il giugno 2025.
Non è la prima volta che, in Valle d’Aosta, si sostituiscono corse di linea con servizi a chiamata: «La prima esperienza risale al 2004 – ha ricordato Antonio Pollano, coordinatore del Dipartimento
Trasporti e Mobilità sostenibile della Regione autonoma Valle d’Aosta – e aveva interessato la tratta fra Nus e Saint-Barthélemy. Sono seguite altre sperimentazioni e la versione notturna del servizio, nota come Allô Nuit, è ormai una consuetudine nella zona della Plaine. Quella a chiamata è dunque una modalità di trasporto pubblico che, per rispondere ad alcune specifiche esigenze, riteniamo molto efficace».
L’Unité des Communes valdôtaines Grand-Paradis ha inserito questa sperimentazione nella Strategia Area interna Grand-Paradis: «è in corso la sperimentazione anche di altre tipologie di trasporto sostenibile – ha detto Mauro Lucianaz, presidente dell’Unité Grand-Paradis -, per esempio con le auto elettriche, a Cogne, e con le bici elettriche a Rhêmes-Notre-Dame e Rhêmes-Saint-Georges. Il nostro territorio ospita il Parco nazionale del Gran Paradiso e vogliamo rafforzare lo stretto legame con la natura anche attraverso i servizi a beneficio della popolazione e dell’utenza
turistica».
Concetto, questo, rafforzato anche dai sindaci di Rhêmes-Notre-Dame e Valsavarenche. «La nostra utenza turistica – ha detto il sindaco Firmino Thérisod – sceglie le nostre valli perché vuole
trovarsi in un contesto di natura incontaminata. Ed è un’utenza che gradisce le alternative all’auto privata».
«Affinché le persone vogliano continuare a vivere in montagna e in media montagna – ha aggiunto Giuseppe Dupont – è indispensabile offrire loro servizi efficienti anche nei periodi di bassa
affluenza turistica e la flessibilità del servizio a chiamata s’inserisce perfettamente in una logica di efficacia e sostenibilità».

torna all'inizio del contenuto